L’impegno nel Volontariato  deve promuovere il “…

senso di responsabilità dell’accoglienza,della qualità della vita,della solidarietà e della giustizia sociale al fine di promuovere una scuola radicata nel sociale e orientata  verso una cultura educativa, fondata sul principio della convivenza e il senso di solidarietà, il rispetto della persona e delle diversità.”

(dalla Carta di intenti tra scuola e mondo del volontariato, in Quaderni degli Annali dell’Istruzione n°98/99 Scuola Volontariato pag. 39)

Per questo il nostro Istituto da anni collabora con diversi  enti e istituzioni scolastiche nel campo del volontariato . I nostri ragazzi prestano volontariamente alcune ore settimanali presso diversi Istituti.

Da quest’anno anche la nostra scuola come molte altre a Milano e provincia  sarà nella rete del  Ciessevi  che coordina il Volontariato giovanile  nella nostra regione e parteciperà alle iniziative comuni.

I nostri ragazzi avranno il passaporto del volontariato che attesta le loro esperienze svolte in ambito sociale, concorrerà al Credito Formativo e potrà essere inserito nel loro futuro Curriculum Vitae

 

 

image

lightup – Giovani volontari

 

Come essere volontari? 

Il Comune di Milano e il Ciessevi con il  progetto Light Up  a cui aderiscono 40  Istituti di ogni ordine e grado e 1’Università riconoscono e sostengono i numerosi progetti di Scuola-Volontariato attivati, che hanno permesso a bambini e ragazzi la partecipazione ad iniziative e progetti di volontariato e cittadinanza attiva.

Ciessevi si rende operativamente disponibile a promuovere e attivare il “Passaporto del Volontariato” e iniziative di volontariato e alternanza Scuola–Lavoro.

 

Cos’è il Passaporto del volontariato? 

Il Passaporto del volontariato è uno strumento, un libretto, un documento personale dello studente  munito di foto, progettato e fornito da Ciessevi alla scuol,. i cui studenti s’ impegnano nel volontariato.

E’ pensato in tre diverse versioni che tengono conto della tipologia di studenti ai quali ci si rivolge e dai quali sarà sperimentato – scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado – che utilizza linguaggi vicini agli studenti e pensati per le diverse fasce d’età e che mette in evidenza esperienze via via più articolate e complete man mano che i ragazzi crescono.

La seconda parte del libretto serve per certificare – attraverso un timbro apposto da parte della scuola e delle organizzazioni coinvolte – che lo studente ha acquisito alcune competenze utili nel proprio percorso di studi successivo e nella vita.

Il Passaporto del volontariato serve per:

 raccogliere e valorizzare le esperienze condotte dalla scuola promuovere il confronto e la collaborazione sul tema delle competenze acquisite nell’ambito delle esperienze di volontariato proposte in collaborazione con l’Ente locale, le organizzazioni di volontariato, gruppi informali presenti sul territorio valorizzare le competenze acquisite dagli studenti attraverso le esperienze dirette di volontariato per favorirne la crescita favorire il contatto tra scuola e organizzazioni del territorio così da promuovere idee e progettualità comuni.